Regolamento
Usiamo il Rispetto che si conviene ad una società civile!

Mai essere Offensivi!

Mai parlare di Politica!

Riferirsi ai membri del forum sempre tramite NICKNAME!

Infrangere queste regole porterà sino al BAN

Sanditon, Jane Austen (INEDITO)

Andare in basso

Sanditon, Jane Austen (INEDITO)

Messaggio  Lyrae il Dom Gen 29, 2012 5:54 pm

"Sanditon" è un romanzo che va attribuito all’ultimo periodo della vita di Jane Austen, malata di morbo di Addison. La stesura fu abbandonata a causa della malattia il 18 marzo del 1817, quattro mesi prima della morte.

Un signore e la sua consorte, Mr. e Mrs. Parker, si dirigono verso Willingden, ma la carrozza, una volta giunti a destinazione, nel tentativo di inerpicarsi su per il pendio, si rovescia. I due vengono soccorsi da Mr. Heywood e famiglia. Mr e Mrs Parker per riconoscenza invitano Charlotte, figlia degli Heywood, a passare l'estate con loro a Sanditon. Dove Mr Parker ha investito denaro per farla diventare una cittadina balneare alla moda.
Così, Charlotte conoscerà le due sorelle Parker ipocondriache, che si prescrivono strani medicamenti, mentre il fratello minore si finge malato immaginario per mascherare la sua pigrizia.
Inoltre entrerà in relazione con i strani personaggi di Sanditon, Lady Denaham, suo nipote Sir Edward, che si crede un dongiovanni e la sua pupilla.

La protagonista femminile, Charlotte, è dotata di sensibilità e di una certa aderenza alla realtà, tanto è che è una lettrice di romanzi ma non ne rimane influenzata. Charlotte è un personaggio positivo, con le caratteristiche tipiche delle eroine dell’autrice: serietà, sensibilità, tenacia nel perseguire i propri obiettivi.

L’amore non è un sentimento romantico, anzi: in “Sanditon” Charlotte lo dice espressamente a Sir Edward Denham, il quale ama i romanzi.

Purtroppo non sapremo mai come la storia sarebbe andata a finire, anche se la venuta a Sanditon del fratello di Mr Parker, un bel giovane di 28 anni, farebbe intravedere uno sviluppo della relazione tra Charlotte e lo stesso!
Sappiamo solo i disvalori che Jane Austen coglie nella società del suo tempo e che disprezza: ipocrisia, arrivismo, presunzione, la vanità, il narcisismo, il calcolo del proprio tornaconto, a scapito della sincerità, anche e soprattutto con se stessi.
avatar
Lyrae
Generale
Generale

Numero di messaggi : 1171
Data d'iscrizione : 15.01.09
Età : 36

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum